Visite: 62

“Il Ministero della Pubblica Istruzione ha assegnato al Comune di Motta San Giovanni più di 3 milioni di euro per la scuola media di via Papa Giovanni XXIII, certificando così l’ottimo lavoro portato avanti dall’Amministrazione insieme agli uffici comunali e ai tecnici che collaborano”.

 

A dichiararlo sono il sindaco Giovanni Verduci e il vicesindaco con delega ai Lavori pubblici Rocco Campolo.   

 

“Lo scorso febbraio – aggiungono gli amministratori mottesi - abbiamo partecipato all’Avviso pubblico PNRR Costruzione di nuove scuole mediante sostituzione di edifici, voluto dal Ministero per promuovere e sostenere la realizzazione di scuole innovative, sostenibili, sicure e inclusive. La graduatoria pubblicata giovedì ci inorgoglisce anche perché in Calabria sono state finanziate solo 14 richieste e di queste solo una, la nostra, proveniente dal territorio metropolitano di Reggio Calabria”.

 

“In questi anni – ricorda il vicesindaco Rocco Campolo – abbiamo puntato molto a riqualificare e mettere in sicurezza gli edifici pubblici ed in particolare quelli destinati alla scuola. Insieme a tutta la Giunta comunale abbiamo predisposto un piano di interventi e nel corso degli anni abbiamo raccolto i frutti di questa attenta programmazione. Agli ultimi 3,3 milioni di euro stanziati per la scuola media di Motta bisogna infatti aggiungere 950 mila euro per la scuola elementare “Giovanni Mallamaci” (lavori quasi ultimati), 600 mila euro per la scuola elementare di Sant’Elia (lavori in corso), 1,5 milioni di euro per la scuola media “Francesco Jerace” (lavori in corso), 600 mila euro per la scuola D. Cuzzupoli (il bando sarà pubblicato nelle prossime settimane), oltre alle somme utilizzate per gli interventi già eseguiti sugli edifici che ospitano o hanno ospitato le scuole dell’infanzia di Motta, Lazzaro e Serro Valanidi”.

 

“La prossima settimana – concludono Verduci e Campolo – parteciperemo all’incontro convocato dal Ministero dell’Istruzione per fornire indicazioni operative a tutti gli enti finanziati”.    

 

Torna all'inizio del contenuto